Lusso Accessibile

TARANTELLA CALABRESE SUD ASPROMONTANA

6 lezioni: 12, 19, 26 aprile, 3, 10, 17 maggio, ore 21-23

1 incontro-seminario (data da destinarsi)

Insegnante: Massimiliano Murgo

Costo:  Euro 30

Il corso è per tutti e prevede musica dal vivo e supporti audiovisivi.

Prenotazioni: Rita 393-5363799 - info: Mario 349-5978574

 

La Calabria offre ancora oggi un repertorio di musiche e balli tradizionali di notevole interesse. Lo strumentario musicale è peculiare e comprende molti elementi di derivazione antica (lira, zampogna, tamburello, chitarra battente, doppio flauto, organetto...). Diverse aree mantengono una pratica di danza tradizionale che non è stata mai interrotta. La conoscenza del ballo tradizionale in queste zone aveva fino a non molto tempo fa una fondamentale importanza per poter accedere alle normali relazioni sociali all’interno delle comunità, oggi è anche una risorsa per una fascia di turismo culturale. La tarantella calabrese presenta differenti varianti, ed è tra i balli del nostro meridione che presentano un linguaggio coreutico più ricco e articolato. Tra le varie tipologie, la più conosciuta fuori dai confini regionali è quella della valle del Sant’Agata, grazie al lavoro didattico che operatori locali (in particolare gli “Agatini” di Cataforìo) portano avanti da molto tempo tra corsi residenziali e iniziative esterne, e grazie alla particolare qualità dei musicisti e dei danzatori di quel territorio.

 

 

 

 

Massimiliano Murgo. Appassionato della musica e della danza tradizionale del Sud, è stato componente di vari gruppi musicali; suona vigorosamente il tamburello e la zampogna e pratica con entusiasmo le danze dell’area meridionale. Ha acquisito approfondita competenza nel repertorio calabrese sud aspromontano sia per una lunga frequentazione del gruppo didattico degli Agatini di Catafiorìo (RC), sia per le relazioni intessute con le famiglie di danzatori e suonatori tradizionali della Valle del Sant’Agata; conseguentemente ha sviluppato una notevole attività didattica. Collabora stabilmente con Canto Antico Movimenti, progetto di ricerca e produzione sulle culture del Mediterraneo, che da dieci anni propone percorsi di  riscoperta dell’universo culturale della tarantella, con un’ attenzione critica ai processi di ri-funzionalizzazione del ballo e della musica popolari.

Il corso prevede un incontro-seminario con:

Ettore Castagna. Antropologo, musicista e docente universitario,  è uno dei più competenti specialisti per quanto riguarda il patrimonio etnocoreutico  della Calabria. Ha all’attivo una lunga e consistente esperienza di ricerca che ha recentemente sintetizzato nel libro “U sonu”. Con il gruppo Re “Niliu” e successivamente “Nistanimera” e “Antiche Ferrovie Calabro-Lucane” ha  realizzato una fondamentale esperienza di recupero e riproposta della musica tradizionale calabrese.